Cos’è il Maqui?
Il Maqui è una bacca (nome ufficiale Aristotelia Chilensis) che si trova prevalentemente nella Patagonia del Cile, dove le condizioni climatiche particolari hanno reso questo frutto eccezionale nel suo potere nutritivo, energizzante ed anti-ossidante. La storia racconta di come gli indiani Mapuche, indigeni di quelle terre, furono gli unici a resistere alle varie colonizzazioni, in virtù della loro forza e instancabilità generate dalla assunzione delle “miracolose bacche di Maqui”.
Il Maqui presenta probabilmente uno dei più alti contenuti ad oggi conosciuti di sostanze antiossidanti, con un potere ORAC (Oxygen Radical Absorbance Capacity, capacità di assorbimento dei radicali dell’ossigeno) molto più alto del valore delle bacche di Açai (quasi il doppio) e sino a otto volte maggiore delle bacche di Goji. (vedi il grafico sotto)
Trattasi di una sostanza da pochissimi anni entrata nel mercato occidentale, ancora limitatamente diffusa, ma dalle molteplici proprietà benefiche certificate da numerose pubblicazioni scientifiche.

ORAC

 

Perchè il Maqui fa così bene?
L’elevatissima presenza di polifenoli, in particolare di antocianine ricche in delfinidine (le più biodisponibili e potenti fra i polifenoli), fa del Maqui un componente molto innovativo e potente fra i nutraceutici nel mondo della lotta ai radicali liberi.
Il Maqui sembrerebbe in grado di attivare un enzima del ciclo dell’energia cellulare (AMPk) ed interagire positivamente con i mitocondri: il tutto si trasforma in una carica di energia naturale giornaliera, immediatamente percepita dopo la sua assunzione e particolarmente adatta agli sportivi. Va inoltre sottolineato come le sue proprietà antiossidanti risultino estremamente utili nella lotta allo stress ossidativo che accelera i processi di invecchiamento.
La crescente letteratura testimonia sempre più le importanti potenzialità del maqui nell’ambito dei nutraceutici genericamente definibili anti-aging. Ugualmente i suoi diversi campi di applicazione in varie patologie e più in generale per il benessere dell’individuo rendono il Maqui oggi uno dei frutti più utili nella integrazione alimentare perché estremamente ricco di polifenoli.

420px-Delphinidin.svg

Formula chimica della delfinidina

10 buoni motivi per assumerlo!
1) Il maqui è la bacca con il più alto potere antiossidante conosciuto e aiuta a combattere lo stress ossidativo.
2) Le sue proprietà lo rendono particolarmente adatto per gli sportivi per combattere la stanchezza e avere più energia, grazie all’aumento della produzione di mitocondri a livello cellulare,
3) Questo frutto contribuisce ad aumentare la risposta immunitaria, aiutando a prevenire e attenuare molte malattie croniche
4) Contribuisce ad abbassare il livello di colesterolo ed altri grassi patogeni nel sangue, favorendo una prevenzione delle malattie cardiovascolari
5) Ha azione ipoglicemizzante: aiuta a controllare il livello di insulina e combatte l’insulino-resistenza
6) Grazie all’azione tipica delle antocianine di cui è particolarmente ricco, migliora il tono ed il flusso venoso
7) Presenta una azione protettiva sulla retina dell’occhio e sui fibroblasti della pelle contro gli agenti esterni
8) Possiede ben note proprietà antidiarroiche
9) Coadiuva la crescita dei capelli
10) Combatte la degenerazione broncopolmonare dei fumatori

Cosa contiene il Maqui
Alla base delle molteplici attività molto promettenti di questo principio attivo ci sono soprattutto le delfinidine, ovvero le antocianine più rappresentate ed importanti all’interno del Maqui stesso. Queste molecole sono idrosolubili, quindi ad elevata biodisponibilità, e possiedono un significativo potere di neutralizzazione dei radicali liberi grazie alla loro costituzione chimica.
Questo “super-frutto” è anche ricco di molti micronutrienti, tra cui vitamina A e C, potassio, calcio e ferro.

BIBLIOGRAFIA
1) Anthocyanins in berries of Maqui (Aristotelia chilensis (Mol.) Stuntz). EscribanoBailon MT, Alcalde-Eon C, Munoz O, Rivas-Gonzalo JC, Santos-Buelga C.Phytochem Anal 2006;17:8-14.
2) I Polifenoli del Maqui – IL vero tesoro dell’isola di Robinson Crusoe A.Zampetti 2013, sanihelp.it
3) Nutraceutical and antioxidant effects of a delphinidin-rich maqui berry extract Delphinol: a review. Watson RR , Schönlau F Minerva Cardioangiologica 2015, 63(2 Suppl 1):1-12
4) In vitro and in vivo anti-diabetic effects of anthocyanins from Maqui Berry (Aristotelia chilensis). Rojo L, Ribnicky D, Logendra S, Poulev A, Rojas-Silva P, et al. Food Chemistry 2012, 13: 387-396.
5) Healthy property of maqui berry extract. Scapagnini G, Davinelli S, Armando Z. , App Aging Control 2014;18:44-9.
6) A Randomized Clinical Trial Evaluating the Efficacy of an Anthocyanin–Maqui Berry Extract (Delphinol) on Oxidative Stress Biomarkers Davinelli S, BeÇoglio JC, Zarrelli A, Pina R, Scapagnini G, Journal of the American College of Nutrition, 2015;34,No. S1, 28–33
7) Maqui and Omega 3: effects on lipid profle, oxidative stress levels and psycho-physical items in human subjects Cavezzi A., Corsi R., Dimitrova G., Colucci R., Paccasassi S., Quinzi V, Fioroni E., Campana F.,Urso S., Mosti G. Discovery Phytomedicine 2017, Volume 4, Number 2: 26-30
8) Antioxidant and cardioprotective activities of phenolic extracts from fruits of Chilean blackberry Aristotelia chilensis (Elaeocarpaceae). Cespedes C, El-Hafidi M, Pavon N, Alarcon J, Food Chemistry 2008, 107: 820-829.
9) Juice and phenolic fractions of the berry Aristotelia chilensis inhibit LDL oxidation in vitro and protect human endothelial cells against oxidative stress. Miranda Rottmann S, Aspillaga A, Pérez D, Vásquez L, MaÇínez A, Leighton F J Agric Food Chem 2002, 50(26): 7542‐7.
10) A Polyphenol-Based Multicomponent Nutraceutical in Dysmetabolism and Oxidative Stress: Results from a Pilot Study. Corsi R, Mosti G, Cavezzi A, Urso SU, Dimitrova G, Fioroni E, Colucci R, Quinzi V. J Diet Suppl. 2017 Apr 28:1-8
11) Maqui Berry (Aristotelia chilensis) and the constituent delphinidin glycoside inhibit photoreceptor cell death induced by visible light. Tanaka J, Kadekaru T, Ogawa K, Hitoe S, Shimoda H, et al. , Food Chemistry 2013, 139: 129-137.
12) Maqui [Aristotelia chilensis (Mol.) Stuntz]-the Amazing Chilean Tree: A Review E.
Misle, E. Garrido, H. Contardo and W. González Journal of Agricultural Science and Technology B 1 2011: 473-482
13) The intake of maqui (Aristotelia chilensis) berry extract normalizes H2O2 and IL-
6 concentrations in exhaled breath condensate from healthy smokers – an explorative study Vergara D, Ávila D, Escobar E, Carrasco-Pozo C, Sánchez A, Gotteland M, Nutrition Journal, 2015 14:27